Slow Food tra i partecipanti alla Piattaforma europea sul benessere animale

“Siamo tutti responsabili”. E’ questo il motto con cui Vytenis Andriukaitis, Commissario UE alla Salute e alla Sicurezza Alimentare, ha lanciato la piattaforma dell’UE sul benessere animale da lui fortemente voluta, durante l’incontro inaugurale che si è tenuto il 6 giugno presso la Commissione europea a Bruxelles.

La piattaforma riunisce 75 membri operatori del settore, così suddivisi: 35 in rappresentanza di Stati e organismi internazionali (OIE, FAO, EFSA,..), 20 organizzazioni di categoria, 10 esperti indipendenti e 10 organizzazioni della società civile (tra cui Slow Food). Per la prima volta tutti i principali attori dell’UE si sono incontrati per scambiarsi esperienze e contribuire a migliorare il benessere degli animali.

Come indicato, infatti, dal sondaggio dell’Eurobarometro pubblicato nel 2016, oltre il 90% dei cittadini europei ritiene importante la protezione del benessere animale e auspica che si trovino modi per migliorarla.

Le indicazioni arrivate dai consumatori sono quindi chiare e, come sottolineato dallo stesso Andriukaitis, che ha presieduto la giornata di lavori, “l’obiettivo della piattaforma sarà quello di incoraggiare il dialogo tra le diverse parti interessate su questioni relative al benessere  degli animali (…), focalizzando l’attenzione per migliorare l’applicazione della legislazione UE sul benessere degli animali, la promozione di standard molto elevati di benessere degli animali e facilitare lo sviluppo e l’utilizzo di impegni volontari da parte degli operatori commerciali”.

La piattaforma si riunirà due volte l’anno e avrà l’obiettivo di rafforzare il dialogo tra tutte le parti coinvolte nel garantire il benessere animale e aiutare la Commissione verso una migliore applicazione delle norme dell’UE attraverso lo scambio di informazioni e buone pratiche.

“E’ una grande opportunità quella che ci è stata data dalla Commissione europea”, dichiara Jacopo Ghione, rappresentante di Slow Food all’interno della piattaforma, “per presentare le iniziative dell’associazione sul tema del benessere animale, nonché l’impegno che stiamo portando avanti con la nostra rete. E’ inoltre un’importante occasione per dar voce a quei piccoli allevatori e agricoltori che difficilmente vengono tenuti in considerazione nei processi legislativi a livello europeo e che spesso subiscono le norme che vengono cucite addosso all’industria alimentare, nonostante le problematiche e le necessità estremamente diverse. Sarà nostro compito tentare di rappresentarli nel miglior modo possibile”.

 

Ulteriori informazioni sono disponibili qui: http://www.animalwelfareplatform.eu/

Clicca qui per leggere il position paper di Slow Food sul benessere animale.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes    No