La biodiversità, ovvero l’insieme degli ecosistemi e degli esseri viventi, animali e vegetali, che popolano il nostro pianeta:

  • è vitale per la sopravvivenza della razza umana e il raggiungimento della sicurezza alimentare;
  • è uno dei fondamenti dell’esistenza dell’uomo: fornisce risorse essenziali come cibo, fibre, aria, acqua e così via;
  • consente lo sviluppo e l’evoluzione di agricoltura e tecniche agricole, metodi di raccolta e trasformazione, tecniche di cucina, consumo degli alimenti e riti conviviali;
  • è strettamente legata all’identità delle comunità;
  • consente alla natura di sopravvivere adattandosi al cambiamento ambientale e climatico.

 Da sempre Slow Food promuove la difesa della biodiversità, prestando attenzione non solo alle specie selvatiche ma anche a quelle domestiche, frutto di migliaia di anni di selezione da parte di comunità contadine e pastorali, e ai prodotti trasformati tradizionali, risultato di saperi trasmessi di generazione in generazione.

Senza la biodiversità la natura sarebbe destinata all’estinzione. Oggi, però, è gravemente minacciata da sistemi agricoli industrializzati, inquinamento, edilizia selvaggia e dai meccanismi del mercato globale, oltre che dalla diffusione degli organismi geneticamente modificati.

Per millenni, le specie usate per l’alimentazione umana e l’agricoltura sono state circa 10.000. Oggi il 90% del cibo consumato dall’uomo proviene da 120 specie e solo 12 specie vegetali e cinque razze animali rappresentano oltre il 70% dell’intero consumo alimentare umano.

Secondo le stime, tre quarti della diversità genetica delle colture agricole sono scomparsi nell’ultimo secolo.

Un terzo delle razze bovine, ovine e suine autoctone sono scomparse o sono sull’orlo dell’estinzione, e molti alimenti trasformati tradizionali (pani, carni conservate, formaggi, ecc.) corrono lo stesso rischio.

Da un punto di vista ambientale, economico, sociale e culturale, si tratta di perdite gravissime.

Slow Food contribuisce alla protezione della biodiversità promuovendo la conoscenza (con la mappatura di prodotti tradizionali, razze autoctone e varietà vegetali ed ecotipi locali) e sostenendo le filiere (coltivazione, allevamento, trasformazione).

Vai sul sito della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus!

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes No

Documento di posizione

Sulla biodiversità

Italiano

Inglese

Dichiarazione

Sulla normativa sull’igiene e la sicurezza degli alimenti

Italiano

Inglese

Francese

 

Studio

Produzione artigianale di formaggio: le politiche di igiene aiutano o complicano le cose?

Inglese

Studio

I Presìdi Slow Food rappresentano un’opportunità per il futuro della montagna?

Italiano

Inglese

Studio

I Presìdi Slow Food in Europa,un modello di sostenibilità

Italiano

Inglese

Dossier di

Inventario e valutazione delle buone pratiche sul ruolo dei piccoli produttori nella tutela della biodivesità e degli ecosistemi

 

Italiano

Inglese

Analisi

Delle criticità e presentazione di cinque casi virtuosi in Europa, a partire dalle esperienze della rete dei Presidi Slow Food

Italiano

Inglese

Documento

Su Agricoltura e biodiversità nelle aree protette

 

Italiano

Inglese