L’Irlanda a Cheese 2009

25 Jun 2009 | Italian

Irlanda protagonista a Cheese, con due appuntamenti riservati all’universo gastronomico irlandese.

Nei Laboratori del Gusto casari, affinatori e selezionatori, affiancati da esperti di Slow Food, sono le guide: da loro il pubblico riceve informazioni sui prodotti, li confronta, li assaggia, scopre l’abbinamento migliore e così affina la propria sensorialità per una scelta gustosa e consapevole.

Sabato 19
 h. 19 sala Maschili
I Formaggi blu e l’aceto balsamico tradizionale di Modena – LC018
Le particolarità di due straordinari prodotti della natura, originati dalla lenta azione di alcuni specifici batteri e dal saper fare dell’uomo, s’incontrano. Sul plateau una selezione di erborinati da Italia, Francia, Regno Unito e Irlanda si sposa con l’aceto balsamico tradizionale di Modena stravecchio, di età minima 25 anni, presentato da Luca Gozzoli, Gran Maestro della Consorteria dell’Aceto Balsamico di Modena con sede a Spilamberto (Mo); abbinamento con vini e alcuni grandi distillati importati in Italia da Fazi Battaglia.

Domenica 20 
h. 13 sala Liceo Scientifico
Il mio formaggio del cuore: gli affinatori europei – LC020
I migliori affinatori internazionali di Cheese propongono il formaggio simbolo della loro professione. Cinque eccezionali esempi di come il saper fare dell’uomo possa dare prodotti d’alta qualità e forte personalità. Neal’s Yard Dairy dalla Gran Bretagna, Hervé Mons dalla Francia, Manuel Maia di Tradifoods dal Portogallo, Poncelet dalla Spagna e, infine, Sheridans Cheesemongers dall’Irlanda: ognuno parla della propria attività di ricerca, selezione e stagionatura e presenta, insieme al formaggio, l’abbinamento perfetto.

Il Presidio
L’Irlanda è inoltre presente con i formaggi irlandesi a latte crudo, Presidio Slow Food che ha uno stand espositivo in via Principi di Piemonte, la zona dedicata ai progetti di difesa, promozione, consulenza e supporto portati avanti dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus sia in Italia che all’estero.

I testi che raccontano i pascoli e i formaggi un tempo prodotti in Irlanda risalgono all’VIII secolo. I casari irlandesi producevano una grande varietà di formaggi: il tanag e il grus erano formaggi pressati a latte scremato, il faiscre grotha era un formaggio fresco, anch’esso pressato, e il tath era a cagliata acida. La diversità dei formaggi si deduce anche dai riferimenti ai coagulanti rintracciati su testi antichi: non si usava, infatti, soltanto caglio animale – sia di vitello sia di agnello – ma anche muschio (carraigin) e una particolare varietà di viola (mothan). Negli anni ’70, un’associazione di casari ha reintrodotto la produzione di formaggio su piccola scala nelle zone rurali dell’Irlanda . 
La spinta ideale e la necessità di guadagnarsi da vivere con il lavoro in fattoria hanno incentivato la nuova generazione di casari irlandesi avvalersi di tecniche prese a prestito da tutto il mondo. Usando le stesse materie prime che già gli antichi produttori dell’isola avevano a disposizione e caseificando a latte crudo, hanno iniziato a produrre nuovi formaggi. Tutti i casari hanno creato prodotti che riflettono non soltanto il territorio, ma anche la loro personalità e le loro esperienze personali. 
I formaggi irlandesi hanno ottenuto riconoscimenti a livello internazionale, ma solo una manciata di questi “nuovi tradizionalisti” usa ancora latte crudo. 
Il Presidio ha l’obiettivo di celebrare le qualità di questi formaggi, e di promuovere la rinascita delle tradizione casearie dell’isola per favorire la sopravvivenza di un prodotto straordinario. 



Il Presidio è formato da otto caseifici artigianali che lavorano con stili e tecniche differenti, ma con l’obiettivo comune di realizzare formaggi di alta qualità, utilizzando latte crudo delle proprie vacche o di quelle allevate in fattorie vicine. Il disciplinare prevede che il bestiame sia allevato al pascolo per otto o nove mesi l’anno, che ogni ogni partita di latte usata per la produzione di un formaggio provenga da un massimo di tre mungiture e che la distanza tra la fattoria di produzione del latte e il caseificio sia minima.
 Il progetto intende incoraggiare i produttori di formaggi a latte crudo in Irlanda, promuovere il consumo di questi prodotti, valorizzarne la qualità, la zona di origine, i produttori e i diversi stili di produzione. Lo scopo del progetto è quello di far aumentare la conoscenza delle qualità di questi formaggi tra i consumatori, i venditori e gli esperti di normative igieniche alimentari. 



Area di produzione
L’intero territorio irlandese



Referenti del Presidio
Kevin Sheridan 
[email protected] 


Colin Sage
 [email protected]


Jeffa Gill 
[email protected]

Change the world through food

Learn how you can restore ecosystems, communities and your own health with our RegenerAction Toolkit.

Please enable JavaScript in your browser to complete this form.
Full name
Privacy Policy
Newsletter