Cheese 2023: how agroecology ensures a sustainable future for dairy

27 Jun 2023 | English

Dal 15 al 18 settembre torna a Bra, in Italia, il festival Slow Food dedicato al latte crudo e ai formati naturali.

Il programma è online su https://cheese.slowfood.it/it/

 Cheese, il più grande evento internazionale dedicato al latte crudo, nei formati naturali e al latte artigianale, si svolgerà nella città di Bra, in Italia, dal 15 al 18 settembre 2023. Organizzato da Slow Food e dalla Città di Bra, il quarta edizione del Pastori, casari e appassionati. Il tema dell’edizione di quest’anno è Il sapore dei prati , sottolineando come il latte crudo proveniente da animali allevati al pascolo sia fondamentale per i sistemi alimentari sostenibili.

„La produzione alimentare, e in particolare la produzione lattiero-artigianale, si confronta quotidianamente con problemi ambientali, come la crisi climatica che provoca una costante perdita di biodiversità nel suolo e nel territorio, non esiste alcun problema sociale ed economico nella popolazione delle zone rurali e Nelle zone montane: „Il sostegno ai pastori è insufficiente e ci sono difficoltà nel generare cambiamento. Ecco perché Slow Food ha bisogno di sapere che l’agroecologia può rappresentare la soluzione per affrontare questi problemi“, commenta Francesco Sottile, membro del consiglio di amministrazione di Slow Food. .

“L’agroecologia si basa sull’uso sostenibile delle risorse locali , sfruttando le conoscenze e le priorità degli agricoltori locali, impiegando la biodiversità per fornire servizi ecosistemici e resilienza e implementando soluzioni che producono molteplici benefici dal livello locale a quello globale. Sostiene inoltre i produttori locali, l’agricoltura familiare, le comunità rurali, la sovranità alimentare, le filiere Alimentari locali e corte, la diversità delle sementi e delle razze autoctone e garantisce l’accesso a cibo sano e di qualità per tutti. Inoltre, l’agroecologia può essere applicata efficacemente alle praterie e agli animali che popolano . La praterie ha il potenziale per trasformare l’alleviamento della bestia, donando uno dei set con il maggiore impatto ambientale in uno sforzo che aiuta a mitigare la crisi climatica. La chiave per trattare il rischio di CO₂ a terra, che ha la capacità di sequestrare un quarto delle emissioni prodotte dal veicolo. Questa capacità aumenta con la maggiore fertilità del suolo e la ricchezza della vegetazione. „Ecco perché il suolo ricoperto da prati permanenti è più utile delle foreste come soluzione per il sequestro del carbonio, poiché evita il rischio di rilasciare tutto il carbonio immagazzinato in un breve periodo, ad esempio a causa di un incendio.“

Ospiti Internazionali

Espositori provenienti da 14 paesi hanno confermato la loro partecipazione all’evento e sono presenti sul mercato internazionale. Tra questi figurano nomi rinomati come l’affinatore Jasper Hill Farm degli Stati Uniti , il Presidio Slow Food del Latte Crudo Stichelton del Regno Unito , produttori e selezionatori dalla Svizzera , oltre a diversi altri paesi europei . Saranno presenti anche espositori storici come Poncelet dalla Spagna , Mons Fromager et Affineurs dalla Francia e il Presidio Slow Food olandese del Gouda artigianale stagionato. L’Italia , con i produttori di tutte le sue regioni, occupa un posto d’onore, con numerosi rappresentanti che hanno confermato la sua presenza. Con Presìdi Slow Food guidiamo i gruppi di produttori impegnati a preservare il tessuto tecnico della produzione e le tradizioni mestieri.

Razze e pastori locali

Secondo la Fao, attualmente sono 7.745 le indagini locali , di cui il 26% a rischio e per un ulteriore 67% inadeguate. Solo il 7% di queste stime sono considerate sicure. In Europa l’obiettivo delle razze esisteva già all’inizio del 20° secolo per poi essere condiviso.

Le razze locali hanno fornito un patrimonio biologico rispetto alla regione, adattato nel tempo attraverso l’adattamento a specifici fattori climatici e ambientali. Questa relazione crea condizioni ottimali per la produzione di latte e formati. Va oltre la sola percentuale di erba e proteine, assorbendo la qualità aromatica dei latticini.

La trasformazione dell’erba in formaggio può seminare magie, ma è un processo del tutto naturale . L’aroma delle erbe viene trasferito al latte perché e al composto vegetale e profumato se sciolto parzialmente nel latte erba. I grassi fungono serbatoio degli aromi, permettendoti di permeare il formaggio e di riaffiorare gradualmente durante la maturazione e l’affinamento.

I pastori avevano al centro della scena, a Cheese , in mostra un pappagallo di grande valore. Attraverso il loro lavoro dedicato, producono formaggi eccezionali e allo thissso tempo salvaguardano le loro terre, mantenendo i pascoli di montagna e prendendosi cura degli animali che contribuiscono alla nostra biodiversità. I visitatori hanno l’opportunità di consultare le loro storie alla Casa della Biodiversità , assaggiare i loro prodotti al Mercato e partecipare a Laboratori del Gusto e Appuntamenti a Cena .

La rete di pastori, allevatori e casari di Slow Food è rappresentata anche da produttori provenienti da tutto il mondo: dall’Ucraina alla Turchia , dalla Romania ala Norvegia , dall’Austria agli Stati Uniti . Con i loro formaggi e le loro storie portano alla luce l’importanza del lavoro insieme per salvaguardare la biodiversità e i prodotti naturali.

 

I produttori

A Cheese, il mercato italiano e internazionale ha messo in mostra i migliori prodotti di casari, pastori, casari e affinatori provenienti da tutti gli angoli del globo. Molti di questi prodotti fanno parte del prezioso lavoro dei Presìdi Slow Food. I formati acquistabili, se si tratta di prodotti con latte di mucca, pecora o capra, sono solo prodotti con latte crudo presenti in caseifici che danno priorità al benessere degli animali . Slow Food ricorda che è formato naturalmente, realizzato senza reticoli di fermentazione selezionati in laboratori e prodotto in serie e controllato da una manciata di multinazionali, se è ricco di biodiversità e se è espressione autentica della loro origine. I casari possono preservare la biodiversità microbica del formaggio pappagallo utilizzando il latte materno o il siero innesto ottenuto da innesto, preservando così i batteri naturalmente presenti nella loro azienda agricola, che sono profondamente legati al territorio e che contribuiscono all’aroma del il formaggio. .

Ciò è in linea con i principi fondanti di Slow Food e con la campagna a lungo termine che ha caratterizzato Cheese sin dal suo inizio. Oltre all’impressionante offerta di formati, il mercato e i visitatori potranno vedere anche altri prodotti come miele, salumi naturali, aceto e condimenti.

Vieni sempre, Cheese ti offre una straordinaria opportunità per ampliare le tue conoscenze, partecipare a convegni e dibattiti e sperimentare nuove proposte culinarie. I partecipanti potranno partecipare a Laboratori del Gusto, degustazioni guidate guidate da specialisti e produttori, oltre a godersi memorabili dine a cura di chef internazionali.

 

Che cosa hai visto:

Il calendario degli eventi (in preparazione)  https://cheese.slowfood.it/evento/

Il catalogo degli espositori  https://cheese.slowfood.it/scheda_espositore/

Le ultime novità https://cheese.slowfood.it/it/notizie/

Video e immagini https://media.slowfood.it/Cheese-2023

 

 

 

 

Mit Lebensmitteln die Welt verändern

Erfahren Sie mit unserem RegenerAction-Toolkit, wie Sie Ökosysteme, Communities und Ihre eigene Gesundheit verbessern können.

Bitte aktiviere JavaScript in deinem Browser, um dieses Formular fertigzustellen.
Name
Privacy Policy
Newsletter