Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 

Per saperne di più   |   Attualità

|

English - Français - Italiano - Español - Deutsch
 
 

Ricerca

   
   
 
 
 
 
Slow Fish - Le poisson bon, propre et juste
 
 

Piemonte


Tinche fritte

Cantina dei Cacciatori, Villa Superiore di Monteu Roero, Cuneo


1. Il pesce

nome comune: Tinca

nome scientifico: Tinca tinca

origine e caratteristiche: La tinca è tra i pesci d'acqua dolce più conosciuti d'Italia. La Tinca ha un corpo tozzo, coperto da piccole scaglie, con grosse pinne carnose. La livrea è verdastra sul dorso, più chiara e tendete al giallo nella zona ventrale. Le pinne sono verde-brune. Gli occhi sono rossi. È diffusa in tutte le acque dolci europee a corso lento: laghi, fiumi, canali, stagni.

 

 

2. La ricetta

Ingredienti:

Per 4 persone
Tempo di preparazione e cottura: mezz'ora

 

12 tinche di circa un etto l’una
12 foglie di salvia
un ciuffo di insalata verde
una manciata di pomodorini
2 limoni
2 manciate di farina di frumento tipo 00
olio di oliva
sale

 

Preparazione:

Eviscerate le tinche, lavatele in acqua corrente e asciugatele accuratamente con un canovaccio. Mettete nel ventre di ciascuna un pizzico di sale e una foglia di salvia.
Quindi passatele appena nella farina.Scaldate l’olio in una padella e adagiatevi le tinche.
Cuocetele lentamente sei minuti per parte. Salate, toglietele dalla padella e adagiatele su carta da cucina per far assorbire l’olio in eccesso. Trasferite i pesci su un piatto di portata guarnendo con spicchi di limone, insalata finemente affettata e pomodorini tagliati a metà.

 


|
   
Slow Fish | Partners Lighthouse Foundation. Fondazione Slow Food per la Biodiversità ONLUS
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab