Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 

Per saperne di più   |   Attualità   |   Area Stampa

|

English - Français - Italiano - Español - Deutsch
 
 

Ricerca

   
   
 
 
 
 
Slow Fish - Le poisson bon, propre et juste
 
 

Taglia adulta

Mangiamo solo pesci adulti. Lasciamo stare i piccoli!


Per la maggior parte dei pesci, molluschi e crostacei, esiste una taglia minima al di sotto della quale non si può pescarli, né commercializzarli.

Le norme (regionali) servono a proteggere le risorse, ma troppo spesso chi pesca, chi vende e chi compra le ignora. Mangiare pesci giovani (o appena nati, come nel caso del novellame) significa impedirne la riproduzione, poiché solo gli esemplari adulti possono riprodursi e assicurare la continuità della specie.

Le femmine feconde più anziane sono fondamentali per rinnovare gli stock. L’esempio del "red snapper" (Lutjanus campechanus, una specie di lutiano abbondante nelle acque americane dell’Atlantico) è molto eloquente: una femmina di 61 cm contiene lo stesso numero di uova (9.300.000) di 212 femmine di 42 cm (cifre pubblicate dalla rivista Nature). 

In un articolo pubblicato nell’agosto 2008 dalla rivista Fisheries Research gli scienziati sottolineano che gli stock sarebbero sette volte maggiori se, prima di pescare i pesci, si aspettasse che avessero raggiunto l’età adulta e deposto più volte le uova.


Fonti di informazioni:

Il progetto INCOFISH della Commissione Europea propone, insieme a altre informazioni sul pesce sostenibile, una banca dati, organizzata per paesi, sulla taglia dei pesci adulti.

Alcune schede illustrano la taglia minima dei pesci più comuni provenienti da Mare del Nord, Mar Baltico, Senegal, Filippine e Perù.

Il Marine Stewardship Council, invece, indica le taglie minime per le specie consumate fresche
 nel Regno Unito. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


|
   
Slow Fish | Partners Lighthouse Foundation. Fondazione Slow Food per la Biodiversità ONLUS
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab