Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 

Per saperne di più   |   Attualità   |   Area Stampa

|

English - Français - Italiano - Español - Deutsch
 
 

Ricerca

   
   
 
 
 
 
Slow Fish - Le poisson bon, propre et juste
 
 

Il pesce spada


Nome scientifico

 

Xiphias gladius

 

Nomi commerciali

 

Swordfish, Broadbill, Pez espada, Emperador, Espadon, Shutome, Dogusa, Agulha

 

Problemi 

 

Stato degli stock

 

Lo spada è presente nella maggior parte dei mari del pianeta ed è pescato in tantissimi paesi, come il Giappone, gli Stati Uniti, l’Italia, la Spagna, il Canada, la Repubblica di Corea, la Cina, Taiwan, le Filippine e il Messico. Con una carne che ricorda quasi la bistecca (per la consistenza, per le dimensioni del trancio, perché non ha spine), è molto apprezzato, in particolare in Asia e intorno al Mediterraneo, ed è ovunque vittima dell’eccesso di pesca. Gli unici stock considerati relativamente integri sono quelli del Pacifico orientale.

Dal 1998 le associazioni Natural Resources Defence Council e SeaWeb, in collaborazione con altre organizzazioni ambientaliste, hanno promosso Give Swordfish a Break (concedi una tregua allo spada), sostenendo con successo misure restrittive per consentire agli stock dell’Atlantico del Nord di rigenerarsi, stock praticamente esauriti in seguito a decenni di sovrappesca e cattiva gestione. Give Swordfish a Break è stato il primo sforzo su grande scala per sensibilizzare i consumatori e i cuochi sulla necessità di tutelare meglio le specie ittiche. Durante la campagna centinaia di cuochi hanno firmato la carta Give Swordfish a Break, mentre altri si impegnavano a togliere dal menù lo spada dell’Atlantico del Nord. La campagna si concluse ufficialmente nell’agosto 2000. Tre anni dopo, le popolazioni dello spada dell’Atlantico del Nord erano ritornate a un livello pari al 94% di quello originario.

 

Metodi di pesca

 

Il metodo più comune per pescare lo spada è il palangaro o palamito (una lenza più lunga cui sono fissate lenze più corte, che terminano con ami cui si agganciano le esche). Le catture accidentali causate da questa tecnica sono fonte di grandissima preoccupazione, perché riguardano molte specie minacciate o in pericolo, come gli squali, le tartarughe e gli uccelli di mare. Attualmente, non ci sono leggi internazionali che regolamentino le catture accidentali e così i palangari contribuiscono all’estinzione di queste specie. Altre tecniche, come gli arpioni (o fiocine) e le lenze non danno luogo praticamente a nessuna cattura accidentale, ma nella pesca commerciale allo spada vengono utilizzate di rado.

 

Salute

 

Lo spada è uno dei pesci con il maggior tasso di mercurio. I bambini piccoli, le donne in età fertile, in gravidanza e durante l’allattamento dovrebbero evitarlo o mangiarlo con grande moderazione.

 

Altri problemi


Lo spada è un predatore in cima alla catena alimentare e gioca un ruolo importante nell’ecosistema marino.

 

Consigli e soluzioni alternative

 

Evita lo spada catturato con il palangaro da flotte internazionali. Boicotta assolutamente quello del Mediterraneo, vittima della sovrappesca. Alcuni pesci spada sono sostenibili: dipende dalle acque dove sono stati pescati e dalla tecnica impiegata. Consulta le guide online per trovare alternative sostenibili nella tua regione.

 

Fonti

 

Greenpeace

Marine Conservation Society FishOnline

Monterey Bay Aquarium

SeaChoice Canada

 


|
  Il pesce spada  
Slow Fish | Partners Lighthouse Foundation. Fondazione Slow Food per la Biodiversità ONLUS
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab