Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 

Per saperne di più   |   Attualità   |   Area Stampa

|

English - Français - Italiano - Español - Deutsch
 
 

Ricerca

   
   
 
 
 
 
Slow Fish - Le poisson bon, propre et juste
 

Ricerca

Inserisci una o più parole da ricercare negli articoli


 

Slow Fish in Azione


I pescatori dell'isola di Robinson Crusoe (Cile)

o il rispetto delle risorse naturali da tre secoli

Ci vogliono due ore e mezza di aereo da Santiago, mezz'ora a piedi e un'ora in barca per arrivare all'unico, minuscolo, centro abitato dell'isola Robinson Crusoe, nell'arcipelago Juan Fernandez.

Il nome è legato all'avventura di Alejandro Selkirk, diventata mitica grazie al romanzo di Defoe. E l'isola conserva qualcosa di misterioso: quando si atterra, su di una pista che benevolmente potremmo definire avventurosa, si scopre una terra quasi desertica e si sentono in lontananza soltanto le grida inquietanti degli uccelli e dei lupi di mare, che si dondolano a pancia in su nell'acqua. Raggiunto in barca il lato opposto si scopre invece un paesaggio rigoglioso: boschi, prati che ricordano le malghe alpine, ruscelli che scendono al mare.

Quest'isola straordinaria conserva un 83% di endemismo: esistono specie autoctone di alghe, uccelli, mammiferi e, soprattutto, di pesci e crostacei. Nelle zone interne vivono capre e conigli selvatici e si alleva qualche vacca, ma la vita vera dell'isola è sul mare.

Quasi tutti gli abitanti sono piccoli pescatori da almeno tre secoli e la pesca più celebre, che risale perlomeno al XVIII secolo, è quella dell'aragosta (Jasus frontalis). La Jasus frontalis si trova soltanto qui e nelle acque delle isole Desventuradas (San Felix e Sant'Ambrosio), a tre giorni di navigazione in direzione Nord.
Queste aragoste si pescano tra i 2 e i 200 metri di profondità, calando in mare trappole rettangolari fatte dagli stessi pescatori con i rami di un albero locale: il maqui.

Fino a qualche anno fa le trappole si tiravano su a mano, oggi si usa un piccolo motore, ed è questa l'unica innovazione introdotta. Le barche impiegate, di legno, piccole e allungate, sono disegnate secondo il modello delle antiche scialuppe d'alto mare delle baleniere e, storicamente, sono costruite sull'isola stessa dalla famiglia Chamorro.

Sull'isola Robinson Crusoe la pesca dell'aragosta è consentita solo tra il 1° ottobre e il 14 maggio e gli esemplari catturati (misurati con un calibro) devono avere almeno 12, 14 anni di età. Nelle acque dell'isola ci sono molti altri pesci, molluschi e crostacei endemici interessanti, anche e soprattutto dal punto di vista organolettico. In particolare vanno segnalati il granchio dorato (Chaceon chilensis), che si pesca a cinque-seicento metri con le medesime gabbie di legno, il riccio nero (Aspidodiadena microtuberculatum), e ancora la breca (Cheilodactylus gayi), un pesce dalle carni bianche e fini, il sugarello (Pseudocaranx chilensis), e la vidriola (Seriola lalandi), entrambe catturate con l'espinel, un amo molto lungo.

Il Presidio

Nelle acque dell'isola si trovano molti pesci, molluschi e crostacei interessanti, ma finora soltanto l'aragosta è stata valorizzata. Così, pesci ottimi - come la breca - sono usati quasi esclusivamente come esca.

Il Presidio è nato in collaborazione con STIPA - Sindacato dei Pescatori Artigianali dell'Arcipelago Juan Fernandez - per tutelare un ecosistema unico e una realtà straordinaria di pesca esclusivamente artigianale.

L'obiettivo è quello di far conoscere le risorse ittiche dell'isola nel loro insieme, senza puntare esclusivamente sulla pesca dell'aragosta, che alla lunga - nonostante le limitazioni attuali sulla stagione e sulla dimensione degli animali - rischia di comprometterne gli stock. Il Presidio sta lavorando per la creazione di una struttura artigianale di trasformazione delle risorse peschiere locali che operi in modo sostenibile e nel quale siano impiegate anche le donne dell'isola.

Allo stesso tempo il Presidio continuerà ad affiancare il sindacato dei pescatori locali nella loro lotta contro i grandi gruppi di pesca industriale per ottenere l'ampliamento dell'Area Marina Protetta a 20 miglia intorno all'isola.

Area di produzione
Isole Robinson Crusoe e Alejandro Selkirk, Arcipelago Juan Fernández, V regione (Valparaíso)


Coordinatore del Presidio :
Juan Torres, Rodt Sindicato de Pescadores Artesanales del Archipiélago
Juan Fernández: jtorresderodt@yahoo.es

Cliccate qui per aiutare i pescatori del Presidio di Robinson Crusoe

 


|







Intervieni nella discussione


   
Nominativo
 
Email
 
Intervento
   

Controllo di sicurezza

Inserisci nel campo di testo le due parole che ti vengono proposte. Questo sistema serve per evitare l'inserimento di interventi da parte di sistemi di spam.

 
 
 


 

Cos'è

In questa sezione, rendiamo omaggio a tutti gli uomini e le donne delle nostre reti: pescatori, acquacoltori, cuochi, consumatori, giornalisti, educatori, volontari, soci di convivium e condotte e tanti altri che con i loro gesti piccoli e grandi si attivano per produrre e consumare pesce in maniera responsabile.

Chi di voi vuole raccontare la propria storia, può farlo scrivendo a: slowfish@slowfood.com

 

Ultimi articoli
 
 
Slow Fish | Partners Lighthouse Foundation. Fondazione Slow Food per la Biodiversità ONLUS
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab