Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 

Per saperne di più   |   Attualità   |   Area Stampa

|

English - Français - Italiano - Español - Deutsch
 
 

Ricerca

   
   
 
 
 
 
Slow Fish - Le poisson bon, propre et juste
 

Ricerca

Inserisci una o più parole da ricercare negli articoli


 

Slow Fish in Azione


La bottarga di muggine delle donne Imraguen (Mauritania)

Gli Imraguen sono pescatori nomadi che seguono i movimenti dei grandi banchi di cefali dorati e di ombrine lungo il Banc d'Arguin, sulla costa settentrionale della Mauritania, spostando i propri piccoli villaggi provvisori fatti di capanne.


Gli Imraguen sono minoritari rispetto ai Mauri, la popolazione di origine berbera predominante nel paese che pratica invece essenzialmente la pastorizia: la pesca è la loro unica attività di sostentamento. Sul Banc d'Arguin - un'area della costa oceanica dai fondali poco profondi diventata parco nazionale dagli anni Settanta - praticano ancora le tradizionali tecniche di pesca, più sostenibili benché meno redditizie di quelle moderne. Solo gli Imraguen hanno il permesso del parco di pescare con le lanches, barche a vela prive di motore; nella stagione di passaggio dei grandi banchi di muggini, da fine ottobre ai primi di gennaio.


Una decina di uomini entra in acqua reggendo una lunga rete che circonda il banco di cefali e poi lo chiude a sacco. In passato un uomo del villaggio avvistava dalla riva il banco di muggini e i delfini aiutavano i pescatori a spingere il pesce verso la costa.


Le donne si occupano da sempre della produzione di bottarga, tishtar (filetti di muggine essiccati e sminuzzati) e di olio di muggine. La pesca tradizionale senza imbarcazioni e quella sostenibile e non inquinante con le lanches è però minacciata dalla pressione dei pescherecci industriali che si addentrano illegalmente nel Banc d'Arguin. Le acque della Mauritania sono tra le poche al mondo ancora ricche di pesce e le flotte dei paesi occidentali si spartiscono i diritti di pesca, assumono i pescatori locali e il pesce viene surgelato e trasferito altrove per la lavorazione, specialmente in Nordafrica e in Europa. Così i saperi tradizionali legati alla trasformazione dei cefali si perdono e scompare una parte importante dell'identità culturale degli Imraguen.

Il Presidio

La sopravvivenza degli Imraguen è legata alla pesca dei muggini: il mulet è alla base dell'alimentazione dei pescatori, i loro stessi villaggi sulla spiaggia si spostano secondo gli spostamenti dei banchi. Il Presidio si fonda su una cooperativa di donne Imraguen, seguite dalla ong locale Mauritanie 2000, che vivono a Nouadhibou, la seconda città per importanza della Mauritania. Le produttrici del Presidio acquistano i muggini dai pescatori e li trasformano. Il loro lavoro oggi è sottopagato - la bottarga viene acquistata a un prezzo irrisorio da un intermediario e commercializzata all'estero - e il loro laboratorio di produzione è precario.

 

Slow Food, con la collaborazione dei produttori del Presidio della bottarga di Orbetello, sta cercando di aiutare le donne Imraguen a migliorare la produzione. Nel 2006 tre donne sono state ospitate a Orbetello per un corso di formazione e alcuni pescatori si sono recati a Nouadhibou per aiutarle ad attrezzare un piccolo laboratorio. L'obiettivo è trovare mercati alternativi e gestire direttamente la vendita dei trasformati.


A partire dal 2008 è stato approvato un progetto con la Regione Piemonte, per la formazione, l'appoggio alla commercializzazione e il rafforzamento della filiera, tramite studi sulle fasi della pesca e sulla produzione locale di sale. Durante Slow Fish 2009, il salone della pesca sostenibile di Genova, la bottarga Imraguen ha avuto un grande successo.

Area di produzione
Villaggi del Banc d'Arguin e Nouadhibou,regione Dakhlet-Nouadhibou

Partner tecnico
Orbetello Pesca Lagunare

I produttori
Sessanta donne di etnia Imraguen unite in una cooperativa che collabora con Ong Mauritanie 2000

Referente del Presidio
Nedwa Moctar Nech
Ong Mauritanie 2000
tel. + 222 6306973
ongmauritanie2000@mauritel.mr

 


|







Intervieni nella discussione


   
Nominativo
 
Email
 
Intervento
   

Controllo di sicurezza

Inserisci nel campo di testo le due parole che ti vengono proposte. Questo sistema serve per evitare l'inserimento di interventi da parte di sistemi di spam.

 
 
 


 

Cos'è

In questa sezione, rendiamo omaggio a tutti gli uomini e le donne delle nostre reti: pescatori, acquacoltori, cuochi, consumatori, giornalisti, educatori, volontari, soci di convivium e condotte e tanti altri che con i loro gesti piccoli e grandi si attivano per produrre e consumare pesce in maniera responsabile.

Chi di voi vuole raccontare la propria storia, può farlo scrivendo a: slowfish@slowfood.com

 

Ultimi articoli
 
 
Slow Fish | Partners Lighthouse Foundation. Fondazione Slow Food per la Biodiversità ONLUS
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab