Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 

English - Italiano

 
 
Slow Europe
 
 
 
 
Slow Europe
 

Consumatori consapevoli

Educare, educare, educare...



Il cibo è un bene straordinario ma, se privato del suo valore spirituale, culturale e immateriale è ormai solo una tra le tante merci di consumo.

In un sistema alimentare sempre più dominato dalla logica di mercato, si è affermata la convinzione che il cibo debba essere disponibile a basso costo, a prescindere dal suo valore intrinseco.

 

Questo modello culturale, in cui l'unico criterio di riferimento è il prezzo, ha scatenato il boom dell'industria agroalimentare, capace di fornire grandi quantità di cibo a buon mercato, a discapito dei piccoli agricoltori.

 

È un sistema che ha spezzato il legame tra chi produce il cibo e chi lo consuma, causando:

  • diminuzione del senso di responsabilità reciproca;
  • scomparsa di un patrimonio fondamentale di conoscenze;
  • impossibilità per i consumatori di accedere alle informazioni.

 

Slow Food si impegna a invertire la logica di un sistema in cui il valore del cibo è stato soppiantato dal prezzo del cibo:

  • ricostruendo la relazione tra produttore e consumatore;
  • riconoscendo nuovamente al cibo il valore che merita;
  • garantendo che il prezzo torni a riflettere il vero valore del prodotto.

 

Slow Food è convinta che i consumatori possano sfruttare il loro potere d'acquisto per incidere sui metodi di distribuzione e produzione alimentare.

 

Slow Food crede inoltre che i consumatori debbano mostrare un interesse attivo nei confronti del cibo e delle persone che lo producono, dei metodi che usano e dei problemi che affrontano.
I consumatori devono sostenere attivamente i produttori, giocando così un ruolo di primo piano nel processo produttivo.

 

Il termine "coproduttore" nasce per descrivere questo nuovo modello di consumatore che fa scelte responsabili e informate e crea un legame diretto con il cibo che mette nel piatto e le persone che lo hanno prodotto. Il coproduttore sa riconoscere il valore intrinseco del cibo ed è disposto a pagare il giusto prezzo per acquistarlo.

 

Grazie a conoscenze adeguate, i coproduttori hanno il potere di reindirizzare la produzione alimentare e il mercato. Ecco perché l'educazione è così importante, e non è mai abbastanza!

 



 
 


Documento di posizione
Sull'etichettatura dei prodotti alimentari in Europa


Italiano

Inglese

Francese

Tedesco

Spagnolo



Scarica le guide al consumo responsabile di Slow Food!


Il nostro spreco quotidiano per capire quanto cibo sprechiamo

Fulmini e polpette
, per una dieta amica del clima

Mangiamoli giusti
, per capire quali pesci comprare

Guida all'acquacoltura
per capire quali pesci d'allevamento comprare

Diamoci un taglio
, sul consumo di carne

In bocca al lupino
, sui legumi

Salute al piacere
, sull'educazione alimentare

 

Quando fai la spesa, usa la testa! per riflettere sulle nostre scelte di consumo

Italiano

Inglese

Francese


 

Focus on

Slow Food Italia: il semestre europeo a presidenza italiana occasione per lasciare il segno sulle importanti questioni legate al cibo
Belgium | 02/07/2014
Gaetano Pascale, neo-eletto presidente di Slow Food Italia, dichiara: «La presidenza italiana del Consiglio UE è sicuramente un’occasione unica per il nostro Paese per segnare la direzione da prendere su importanti temi, in primis la normativa sulle sementi e gli Ogm, ma anche il benessere animale e il diritto al cibo. Per questo porgiamo i nostri migliori auguri al presidente Renzi e alla sua squadra. Speriamo che l’Italia lasci la sua impronta sul futuro dell’Europa, portando avanti rilevanti riforme nei campi dell’economia, della politica agricola, energetica e dell’immigrazione. Auspichiamo la nascita di una Politica Alimentare Comune, che guardi al sistema alimentare con un approccio olistico, promuovendo la lotta allo spreco, la tutela della biodiversità e un maggiore sostegno al ruolo dei produttori locali e dei consumatori. Renzi ha auspicato che si ritrovi l’anima dell’Europa, e noi di Slow Food siamo pronti a lavorare ogni giorno perché questo avvenga».

Api: cronaca di un disastro annunciato
United States | 01/07/2014
Una piccola storia di disastro annunciato. La situazione della api, negli Stati Uniti, è al...

A volte ritornano: Syngenta chiede una deroga al bando dei neonicotinoidi
United Kingdom | 27/06/2014
Ricorderete tutti la battaglia condotta all’interno del Parlamento Europeo in merito all’utilizzo...

Ue: via all'indicazione "Prodotto di montagna"
Belgium | 25/06/2014
L’Ue ha detto sì. E ora, gli agricoltori e i trasformatori europei che lavorano, vivono e si fanno...

Feeding the 5000!
Belgium | 16/06/2014
L'inizitiva Feeding the 5000 contro lo spreco alimentare è approdata a Bruxelles lo scorso aprile. Slow Food e Slow Food Youth Network erano partner dell'evento.

Guarda il video per un riassunto della giornata e scopri i partner di Feeding the 5000 Bruxelles.

Slow Europe
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by blulab