Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 

English - Italiano

 
 
Slow Europe
 
 
 
 
Slow Europe
 

Politica comune della pesca

Le comunità della pesca fanno parte di un ecosistema fragile che dobbiamo proteggere



La pesca è una questione di importanza cruciale per i seguenti motivi:

  • la salute degli oceani è fondamentale per la nostra sopravvivenza sulla Terra;
  • gli oceani sono molto sensibili alle attività antropiche e ne subiscono pesantemente le conseguenze, che si tratti di attività svolte sulla terraferma o direttamente in mare (per approfondire l'argomento, tutte le informazioni sono disponibili nel sito della campagna Slow Fish);
  • un'ampia e crescente porzione della popolazione mondiale vive in aree costiere (il 44%);
  • la pesca attinge agli stock ittici selvaggi in un ambiente ampiamente ignoto;
  • comprendere e monitorare gli ecosistemi acquatici è molto complesso;
  • la maggior parte delle risorse alimentari prelevate dal mare non rispetta i confini nazionali (i pesci di grossa taglia sono prevalentemente migratori e nuotando attraversano diverse acque territoriali).

 

Tutto questo significa che i problemi che affliggono gli oceani e la terraferma sono strettamente interrelati e non possono essere risolti senza un impegno coordinato da parte di tutte le popolazioni e di tutti i paesi, su molti fronti diversi.


Come nel caso dell'agricoltura, inizialmente la Politica Comune della Pesca (PCP) si occupava soprattutto dello sviluppo economico delle attività di pesca e mirava a garantire l'accesso alla maggior quantità di prodotti ittici possibile, al minor prezzo possibile, promuovendo e consolidando così le grandi flotte industriali.


È vero che questa strategia ha raggiunto il suo obiettivo iniziale: in effetti, mai prima d'ora l'accesso al pesce è stato così ampio e diffuso.

Tuttavia, poiché sottovaluta ampiamente gli effetti della pesca eccessiva, la distruzione degli habitat e i danni all'equilibrio dell'ecosistema, oltre al cambiamento climatico e all'inquinamento, la strategia ha ormai raggiunto i propri limiti.


È giunto il momento di orientare i nostri sforzi alla conservazione degli oceani e alla sussistenza delle comunità di pescatori, che utilizzano metodi molto più sostenibili, conoscono le acque in cui pescano, dove pescano meglio di chiunque altro, e garantiscono il benessere dei tanti milioni di persone che vivono in aree costiere.

 

Crediamo che le prime misure presentate dalla PCP siano insufficienti ai fini della conservazione e non offrano ancora il sostegno sufficiente alle attività di pesca radicate nelle comunità.


Riteniamo che la PCP debba:

  • rafforzare la ricerca scientifica in mare, a livello sia nazionale sia europeo;
  • fornire forti incentivi a tutte le pratiche sostenibili, e al contempo penalizzare tutte le pratiche insostenibili;
  • promuovere un vero approccio territoriale per consentire ai diversi enti rappresentativi delle comunità locali di decidere il modo migliore per gestire le proprie risorse;
  • differenziare le misure applicate alla piccola pesca a livello di comunità da quelle applicate alle attività industriali di larga scala;
  • finanziare l'istruzione e la formazione per promuovere comportamenti sostenibili rispetto a pesca e consumo di prodotti ittici;
  • utilizzare i sussidi negati ai pescherecci insostenibili per incoraggiare i piccoli pescatori ad agire come custodi degli oceani, riconoscendo e sfruttando al meglio le loro competenze e consentendo loro di pescare meno.
  • migliorare la tracciabilità del pescato.


Per saperne di più:


Slow Fish, la campagna di Slow Food per una pesca sostenibile.

Slow Fish è anche un evento, che si tiene ogni due anni a Genova.


 
 
Documento di posizione
Sulla pesca

Italiano
Inglese


Slow Food commenta la proposta di riforma della Politica Comune della Pesca

Italiano
Inglese
 

Focus on

Slow Food ospita il Consiglio informale dei 28 Ministri europei dell’agricoltura e della pesca presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo
Italy | 30/09/2014
L’incontro si è svolto lunedì 29 ottobre in occasione del semestre italiano di Presidenza UE. ...

L’Europa al Salone del Gusto
Italy | 23/09/2014
Dai prodotti caseari dell’area Mediterranea all’immenso patrimonio di erbe officinali, conserve e...

I magnifici tre
| 18/09/2014
I nuovi Presìdi balcanici che saranno presentati al Salone del Gusto sono legati da un unico filo...

Iniziativa dei Cittadini Europei sul TTIP e CETA rifiutata dalla Commissione europea
Belgium | 16/09/2014
In risposta ai negoziati tra Stati Uniti e Unione Europea (TTIP: Transatlantic Trade & Investment...

Nominati i nuovi commissari europei
Belgium | 15/09/2014
Jean Claude Juncker, presidente della Commissione Europea, ha annunciato i nomi dei candidati...

Slow Europe
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by blulab