Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 

English - Italiano

 
 
Slow Europe
 
 
 
 
Slow Europe
 

La Politica Agricola Comune

Cosa bisogna fare



Se non riusciamo a proteggere gli agricoltori, questa professione è destinata a estinguersi. Presto potrebbe non esserci più alcuna PAC da riformare!

Con la crescente marginalizzazione del ruolo del lavoro agricolo, assistiamo all'esodo dalle campagne e all'invecchiamento della popolazione che resta nelle zone rurali. Secondo le stime dell'Eurostat, solo il 7% dei contadini ha meno di 35 anni e un terzo ne ha più di 65.

 

Occorre adottare misure concrete per arrestare questa "emorragia" e incoraggiare i giovani a ripopolare le zone rurali e il settore agricolo in generale.

 

Slow Food crede che la nuova PAC debba:

  • ridare dignità al lavoro agricolo;
  • garantire un reddito ai giovani agricoltori, e dunque la sicurezza;
  • creare reti di giovani composte da contadini e altri attori della filiera alimentare per combattere il senso di isolamento che spesso li scoraggia dall'intraprendere la professione agricola;
  • promuovere la formazione per i giovani contadini e il trasferimento di conoscenze di generazione in generazione;
  • sostenere i progetti imprenditoriali dei giovani snellendo la burocrazia e fornendo incentivi finanziari;
  • fornire assistenza tecnica finanziata su metodi agro ecologici, gestione imprenditoriale, ecc.

 

Slow Food crede che la nuova PAC debba ristrutturare il sistema agroalimentare dell'Unione Europea, incentrandolo su una produzione di piccola e media scala e sulle economie locali con i seguenti strumenti:

  • revisione delle denominazioni d'origine, con l'introduzione di rigidi criteri di sostenibilità, qualità, legami con la terra, pertinenza storica e tutela della biodiversità;
  • semplificazione dei prerequisiti e della burocrazia per l'avvio di nuove attività commerciali;
  • ricompense per i produttori che difendono la biodiversità tradizionale e locale e tutelano il panorama agricolo tradizionale;
  • promozione dello scambio di informazioni e conoscenze tra piccoli produttori;
  • creazione di programmi di formazione per ottimizzare le tecniche agronomiche, di trasformazione e commercializzazione;
  • elaborazione di programmi di educazione ambientale e alimentare nelle scuole, e di programmi di sensibilizzazione e informazione dei cittadini;
  • creazione di canali di mercato per piccoli e medi produttori, con la promozione di farmers' markets, gruppi di acquisto solidali e gruppi di consumatori che si impegnino a sostenere direttamente l'agricoltura locale;
  • sistemi di ricompensa per chi integra la produzione agricola con attività educative, culturali e turistiche che promuovano la conoscenza dell'ambiente e dell'agricoltura.


 
 

Documento di posizione
Sulla Politica Agricola Comune


Versione completa:
Italiano
English

French

 

Versione corta:
Italiano
English

French
German
Spanish
Romanian
Danish
Swedish
Bulgarian
Dutch
Estonian
Finnish
Hungarian
Latvian
Lithuanian
Polish
Czech
Slovak

Slovene
Russian


Per maggiori informazioni:
europa@slowfood.it

I nostri partner:



 

 

Focus on

Sotto il cielo di Dubrovnik
| 01/08/2014
I Balcani: una terra ricchissima di cultura, tradizioni e prodotti gastronomici di grande valore,...

Pensare come le montagne
Belgium | 25/07/2014
Le montagne per l’Europa sono un’incredibile ricchezza e sulle Alpi vivono ancora 14 milioni di...

Forza, forza Prud’homie
France | 24/07/2014
Chi ha sentito parlare della Prud’homie mediterranea dei pescatori, che in Francia vanta quasi un...

Slow Food Italia: «Ogm: necessario il rispetto della legalità in Friuli»
Italy | 16/07/2014
Con riferimento alla lettera inviata in data odierna dalla Task Force per un’Italia libera da Ogm...

Premio Onu a Carlo Petrini: progetti che cambiano la vita
Italy | 09/07/2014
Arriva dall’Onu l’ultimo riconoscimento dato a Carlo Petrini nell’ambito del primo Torino...

Slow Europe
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by blulab